Arte / Percorsi di Fede / Sacre icone

Mostra d’arte sacra a Salerno dedicata alla Madonna del Carmine

Nel salone della scuola "Medaglie d'Oro" in via Paolo Vocca, una esposizione di dipinti dedicati al culto della "Vergine Bruna" del monte Carmelo. Organizzata dalla Galleria del Carmine di Salerno, sarà visitabile dal 22 aprile all'8 maggio
di Nicola Piscopo
14 aprile 2015

Una mostra d’arte sacra dedicata alla Madonna del Carmine: sarà inaugurata mercoledì 22 aprile (alle ore 17,00), nel salone della scuola primaria “Medaglie d’Oro” in via Paolo Vocca a Salerno. E offrirà al pubblico degli appassionati rare e preziose riproduzioni di dipinti di scuola seicentesca e settecentesca (tra i quali si distingue la “Sapietia Carmeli“, opera di artista sconosciuto donata da da P.Angelo Lanfranchi a Papa Giovanni Paolo II) in cui troneggia il culto della “Vergine Bruna”. Organizzata dalla Galleria del Carmine di Salerno, insieme con la scuola Medaglie d’Oro e la scuola “Ferdinando II di Borbone” di Scafati (diretta dal vulcanico Vincenzo Giannone), l’esposizione (che punta, in realtà, a celebrare degnamente la Regina dei cieli, la Madonna del Monte Carmelo), sarà visitabile fino a venerdì 8 maggio (esclusi i giorni festivi), dalle ore 17 alle ore 19.30.
Quella di onorare la Madonna del Carmine è una forma di devozione molto antica che risale all’anno giubilare 1500, quando un gruppo di devoti residente nel rione Mercato di Napoli volle organizzare un pellegrinaggio a Roma portando in processione l’icona della Madonna del Carmine detta “La Bruna”, venerata nella vicina Basilica-Santuario del Carmine Maggiore.
Il pellegrinaggio partì il 5 aprile 1500. Si racconta che attraversando via Lavinaio si verificò un fatto strepitoso. Un certo Tommaso Saccone, che era storpio dalla nascita e chiedeva l’elemosina lungo la strada, al passaggio della sacra immagine chiese alla Madonna di poterla accompagnare se fosse stato sanato. Lo storpio guarì all’istante con grande giubilo dei presenti.

Il dipinto Sapientia CarmeliL'edicola marmorea della Vergine Bruna sull'altare maggiore della Basilica del Carmine a NapoliNapoli, l'interno della Basilica del CarmineNapoli, la Basilica del Carmine Maggiore con il campanile di fra' NuvoloLa scuola Medaglie d'Oro di Salerno
Lungo la strada che da Napoli conduce alla Città eterna, avvennero molti altri fatti straordinari, per cui quando il pellegrinaggio giunse in prossimità di Castel Sant’Angelo, lo stesso Sommo Pontefice si mosse per andargli incontro e accompagnare la Sacra effigie nella Basilia di San Pietro. L’immagine della “Bruna” rimase in San Pietro per tre giorni dove fu visitata da moltissimi pellegrini. Nel viaggio di ritorno si verificarono ancora altri fatti prodigiosi, per cui l’accoglienza fu più che trionfale nella città partenopea. L’icona della Vergine giunta nella basilica fu collocata sull’altare maggiore da dove mai più è stata rimossa.
Dopo questi fatti, non cessando l’afflusso dei fedeli alla basilica del Carmine, Federico d’Aragona volle per il 24 giugno un raduno dei malati del Regno per chiedere a Dio per l’intercessione della Vergine Santissima, la grazia della guarigione. Nella mattinata del 24 gli infermi furono portati in chiesa e sistemati su appositi palchi innalzati lungo i due lati della basilica. Lo stesso re con la regina e la relativa corte presero posto su un palco situato nel presbiterio. Le cronache del periodo raccontano che quando, ad un cenno del sovrano, furono iniziate le litanie e le campane del campanile di fra’ Nuvolo iniziarono a suonare a distesa, due raggi di luce piovvero dal cielo per posarsi sulla effigie della Madonna e poi riversarsi, come un grande fiume, sulla duplice fila dei malati, i quali furono tutti guariti. Quel giorno era un mercoledì, per cui da allora si scelse nella settimana il “mercoledì” per onorare con azioni varie liturgiche, con preghiere e canti, con l’ascolto della Parola di Dio, con pellegrinaggi e con la recita delle “Allegrezze” la Madre del Carmelo. Dopo questi fatti la devozione dei mercoledì alla Madonna del Carmine si diffuse non solo nel in nel Sud Italia ma anche in tutto il mondo, con manifestazioni varie di culto alla Vergine del Carmelo.