Arte / News / Il cartellone

Sannazaro targato Napoli, da Viviani ai nuovi comici

La stagione 2015/2016 al via dal 16 ottobre con Barra, Rizzo, Rivieccio, Caiazzo e Casillo. Per i 20 anni del Cafè Chantant, inoltre, sarà allestito uno spettacolo esclusivo
di Nicola Piscopo
22 luglio 2015

Sarà “Morte di Carnevale” di Raffaele Viviani, regia di Lara Sansone ad aprire il 16 ottobre la stagione teatrale 2015/2016 del Teatro Sannazaro di Napoli, che proporrà dieci spettacoli fra novità e classici. “Il Teatro Sannazaro – spiega Sansone – è il Teatro della Tradizione Partenopea per eccellenza. Lo dice la sua storia, ne siamo da sempre convinti, e lo apprezza il suo pubblico, sempre numeroso, e la prossima stagione teatrale ne è la conferma. Grandi protagonisti della scena come Peppe Barra, Giacomo Rizzo, Benedetto Casillo, Gino Rivieccio. E ancora, Paolo Caiazzo, Ciro Giustiniano, uno spettacolo, fuori abbonamento, di Lello Serao con Nunzia Schiano, e, a grande richiesta, il ritorno in scena de La Festa di Montevergine”. Per i 20 anni del Cafè Chantant sarà allestito uno spettacolo esclusivo, Dal 20 novembre toccherà a Giustiniani, già protagonista di Made in Sud. Dal 5 febbraio 2016 Gino Rivieccio porterà in scena “Io e NAPOLI? Sempre“, scritto a quattro mani con Gustavo Verde. Dal 19 febbraio, da un’idea di Nando Mormone e Alessandro Siani, arriva lo spettacolo “Benvenuti al Sud” di Paolo Caiazzo con regia di Siani. Peppe Barra, affiancato da Teresa Del Vecchio, sarà in scena, dal 4 marzo, con “Sogno di una notte incantata“, scritto con Fabrizio Bancale e tratto da “Lo cunto de li cunti” di Giambattista Basile. Da venerdì 1 aprile, Rizzo porterà in scena “Bentornato Rizzo“. A chiudere il ciclo di spettacoli in abbonamento, dal 22 aprile, sarà Benedetto Casillo con Signori Biglietti. Fuori abbonamento, a partire dal 6 maggio “Le Statue Movibili” da Antonio Petito. Grande spazio sarà dedicato al Teatro Scuola e non mancheranno le iniziative speciali, come il Capodanno con il Cafè Chantant e la mostra dedicata a Nino Taranto, a cura di Giulio Baffi.