Tanzio da Varallo incontra Caravaggio a Palazzo Zevallos Stigliano

1355

Apertura eccezionale in via Toledo, a Napoli, per le Gallerie di Palazzo Zevallos Stigliano che potranno essere visitate anche nei giorni 8, 15, 22, 24 e 26 dicembre e il 6 gennaio. Chiuderanno, invece, anticipatamente alle ore 14.00 il giorno 31 dicembre, rimanendo chiuse a Natale (25 dicembre) e a Capodanno (1° gennaio).
Le “Gallerie d’Italia” ospitano fino all’11 gennaio 2015 la mostra “Tanzio da Varallo incontra Caravaggio. Pittura a Napoli nel primo Seicento” promossa e organizzata da Intesa Sanpaolo in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico, Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Napoli e della Reggia di Caserta, la Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici dell’Abruzzo e l’Associazione Giovanni Testori.
L’esposizione, patrocinata dal Mibact (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e dal Comune di Napoli, e curata da Maria Cristina Terzaghi, vuole essere un omaggio a uno dei massimi artisti del Seicento italiano, Antonio D’Enrico (Alagna Valsesia circa 1582 – Borgosesia ? 1633) meglio noto come Tanzio da Varallo.
La mostra riporta l’attenzione del pubblico e della critica in particolare sul breve ma assai proficuo periodo trascorso dall’artista vercellese nei territori del Viceregno (gli Abruzzi) e a Napoli, quando venne in contatto con il genio di Caravaggio e ne rimase per sempre segnato.
Tanzio da Varallo incontra Caravaggio. Pittura a Napoli nel primo Seicento” celebra inoltre la figura di Giovanni Testori, all’indomani del ventennale della morte dell’intellettuale lombardo che, per primo, dedicò nel 1959 una mostra a Tanzio e che contribuì in modo decisivo ad affermare la statura artistica del pittore di Alagna.
La mostra presenta ventinove opere: tredici dipinti di Tanzio sono esposti insieme a opere di artisti attivi a Napoli e nel Viceregno – “la stretta cerchia” di Caravaggio, secondo la celebre definizione di Roberto Longhi – che, come Tanzio, si sono confrontati molto presto con la pittura di Caravaggio: Battistello Caracciolo, Louis Finson, Carlo Sellitto, Filippo Vitale. Lo stesso Michelangelo Merisi è rappresentato in mostra dal Martirio di Sant’Orsola (1610), splendida opera esposta nelle Gallerie di Palazzo Zevallos Stigliano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.