Una App per San Lorenzo Maggiore e Neapolis Sotterrata

18 giugno, 2015 alle 12:00
248

La chiesa di Petrarca e Boccaccio? Da oggi è…multimediale. Finalmente un’App al Complesso di San Lorenzo Maggiore – Neapolis Sotterrata, primo sito dei Decumani del Centro antico di Napoli ad essersi dotato di questo un ulteriore, moderno strumento di fruizione di quelle che sono le bellezze artistiche ed architettoniche del complesso religioso che segna il confine della parte alta di via San Gregorio Armeno, ma anche degli scavi greco-romani sotterranei. Non tutte le strutture museali partenopee (pubbliche e private) al momento, possono vantare simili applicazioni per dispositivi mobili, e quelle che ne sono dotate propongono la formula di visita in loco, necessariamente nel meccanismo abbinato “dispositivo-opera d’arte”. A San Lorenzo Maggiore, invece, l’App dedicata e gratuita, voluta fortemente da Roberto De Rosa, del complesso di San Lorenzo Maggiore, con i testi di Padre Angelo Palumbo e realizzata da Aloe Greco Informatica, propone un tour virtuale decisamente rivoluzionario. Un lavoro ben fatto, che vuole stimolare l’interesse dei visitatori e che si inserisce nel contesto dell’arte smart, che prevede l’utilizzo delle nuove tecnologie per alimentare e rendere più fruibile la conoscenza dell’arte e del patrimonio storico artistico e archeologico presente nel capoluogo campano.
Al Complesso di San Lorenzo Maggiore – Neapolis Sotterrata, i visitatori troveranno un QRCode posto ai pannelli di ingresso con i quali potranno installare le app sul proprio dispositivo con una semplice fotografia, e avranno la possibilità di scaricare, tramite gli store di Apple e Google Play alla voce “San Lorenzo Maggiore”, sui propri dispositivi portatili Tablet e Smartphone, tre diversi percorsi di visita in video che comprendono: Museo e Sale, Basilica e Scavi. Ciò consentirà di accedere in modo semplice alla storia dell’intero complesso, scavi di Neapolis compresi, attraverso la scelta dei tre itinerari. Una fruizione doppia, in loco ed anche in remoto. In seguito, una volta completato il download, si potranno seguire i filmati senza bisogno di essere connessi alla linea (come si dice: off-line). Per favorirne l’uso ai turisti in visita al complesso, è stata progettata e realizzata un’infrastruttura di rete wifi aperta, installata all’interno del complesso monumentale, e costruita per rendere al massimo l’esperienza utente del turista in visita. La rete implementata, infatti, è ad alta densità e velocità, compatibile con i dispositivi WiFi a 2.4GHz e 5GHz. di tutte le generazioni, dal più “vecchio” al più recente, e rende particolarmente comodo l’uso dell’app.
Infatti, se un utente che ha installato l’app sul proprio cellulare o tablet sceglie di scaricare i filmati in una normale rete wifi di casa, anche ad alta velocità, impiegherà un tempo vicino ai 5 minuti per completare l’operazione. La stessa operazione fatta nella rete installata presso il Complesso di San Lorenzo Maggiore, necessita solo di alcuni secondi (normalmente meno di 3). Inoltre la rete ad alta densità è in grado di supportare decine, o anche centinaia, di utenti contemporaneamente, mantenendo comunque una elevatissima velocità di download dei filmati. E’ stata pensata per fornire supporto a grosse comitive, o scolaresche, in visita che, nel tempo di attraversamento del chiostro, possono scaricare la propria videoguida e cominciare subito a seguirla.‏ [charme-gallery]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here