Pompei, workshop sugli agrumi nell’Auditorium degli Scavi

4 dicembre, 2014 alle 16:30
284

Domani, venerdì 5 dicembre (dalle 10 alle 16), all’Auditorium degli scavi di Pompei si parlerà dell’origine, della diffusione e degli usi degli agrumi nei paesi del Mediterraneo. Nel workshop sui confronteranno esperti e ricercatori italiani e internazionali di tutta Europa su “The History and Archaeology of Citrus fruits in the Mediterranean: introductions, diversifications, uses“. Partendo dall’antica Pompei, dai ritrovamenti e dalle testimonianze pittoriche presenti nel sito archeologico vesuviano saranno presentate le ricerche e gli studi in campo archeologico legati all’introduzione degli agrumi nell’area del Mediterraneo, alle relative tecniche di coltivazione, con particolare riferimento ai processi di diversificazione biologica delle varie specie e all’influenza che limoni, arance e agrumi in genere hanno avuto sullo sviluppo delle società antiche. Il convegno è organizzato dall’Università del Salento, da CNRS/INSU (Istituto Nazionale delle scienze dell’Universo) e Inrap (Institut national de recherches archéologiques préventives) in collaborazione con la Soprintendenza speciale per i Beni Archeologici di Pompei, Ercolano e Stabia. Il programma del workshop, il cui inizio è fissato alle ore 10, prevede tra gli altri, gli interventi del soprintendente Massimo Osanna e di Ernesto De Carolis, responsabile del laboratorio di ricerche applicate della soprintendenza, che presenterà le testimonianze pittoriche che riproducono scene di giardino con agrumi dell’antica Pompei nonché le attività svolte presso il laboratorio nella cui camera climatizzata sono custoditi numerosi reperti organici ritrovati durante gli scavi. L’ingresso è libero.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here