Al Maschio Angioino, Fo visto da Anna Camerlingo

13 marzo, 2015 alle 18:24
231
Dario Fo

Manca una manciata di giorni all’arrivo dell’amatissimo Papa Francesco a Napoli, ma in città già da tempo fervono i preparativi e prendono forma iniziative nate in occasione di questo grande evento. Domani mattina, sabato 14 marzo, alle ore 11, ad esempio, nella Sala Carlo V del Maschio Angioino inaugura la mostra fotografica di Anna Camerlingo dal titolo “Dario Fo, Francesco lu Santo Jullare”. Oltre 40 immagini, tra bianco e nero e colore, scattate tra maggio e giugno scorso nel Centro di Produzione Rai di Napoli, dove Fo stava registrando lo spettacolo. Un progetto che svela un’immagine intima e riflessiva dell’artista Premio Nobel impegnato con i suoi collaboratori nella riscrittura del testo prima di andare in scena, perché questo spettacolo, pur essendo stato scritto più di quindici anni fa con Franca Rame, è un testo in continua evoluzione, sempre aggiornato  sugli ultimi accadimenti politici e di cronaca. Tra l’altro Fo trae spesso ispirazione da Papa Francesco, di cui ammira l’operato, riscontrando una similitudine tra San Francesco e il Papa. E, proprio in quei giorni, l’artista aveva appreso dei coraggiosi moniti del Pontefice sudamericano contro vescovi e cardinali troppo spesso sedotti dal denaro e dal potere e per questo aveva deciso di riscrivere tutta la prima parte del testo poi visto in prima serata su Rai Uno a fine giugno. Nel racconto per immagini, organizzato dall’assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Napoli e visitabile fino al 20 aprile, anche l’incontro tra Fo e il cantautore libanese Mika, impegnati in un confronto in cui due generazioni lontane si fondono in un pensiero culturalmente stimolante.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here