Gratis in giro per Napoli grazie al servizio di Bike Sharing

20 febbraio, 2015 alle 14:14
297
Ciclostazione_toledo_bike_sharing_napoli

Dieci ciclostazioni per bici già presenti sul territorio urbano dove si possono prendere e poi lasciare le biciclette. Il bike sharing, sistema di mobilità in bici già molto diffuso in diversi Paesi europei, è in sostanza un servizio di trasporto pubblico che è alternativo o di sostegno all’utilizzo dei bus e delle metrò. Come funziona? Presto detto.

Ci sono cento biciclette in dieci stazioni metropolitane in punti centrali della città che vanno dalla stazione centrale al lungomare. Questo l’elenco dei 10 stop/start parking:

Piazza Garibaldi
Via Benedetto Brin (vicino parcheggio Brin)
Piazza Bovio
Piazzetta Nilo
Piazza Dante
Largo Enrico Berlinguer (metro di Toledo)
Via Vittorio Emanuele III (Maschio Angioino)
Via Partenope (Castel dell’Ovo).

A breve in funzione anche a Largo Donnaregina ed a Piazza Vittoria. In ognuna di queste postazioni ogni giorno dalle 7 alle 22, si potrà prendere, anche per più di una volta al giorno, una bicicletta per spostarsi sino ad un’altra stazione di parcheggio delle bici. Ogni utilizzo del mezzo però non deve superare i 30 minuti. Chi commetterà quest’errore sarà poi penalizzato. Non potrà usare il servizio per qualche tempo. Come detto il servizio è gratuito.

Ma ecco come fare per poterne usufruire. Due i passaggi. Primo: registrarsi sul sito www.bikesharingnapoli.it dove per garanzia, e solo per questo, bisogna indicare il numero della propria carta di credito (di debito, prepagate, e con logo Visa o MasterCard). Secondo: scaricare l’applicazione gratuita “Bike Sharing Napoli” dagli store Apple o Android. Per chi non ho uno smartphone, può richiedere l’invio di una specifica carta magnetizzata al servizio dedicata, il cui costo è di 6.50 euro. Compiuti i due passaggi sarà possibile interagire in ogni stazione collegata ad internet via wifi: si sceglie una bici, si inserisce un codice nello telefonino comunicato dal monitor della stessa pensilina (oppure si passa la smart card) e si può partire in giro per Napoli utilizzando la bici e riportandola entro 30 minuti ad un’altra stazione.

Per cui, o per fare una bella passeggiata e se vi serve un urgente mezzo di locomozione da oggi i napoletani hanno un’altra soluzione. A scopo cautelativo ovviamente,  ogni bicicletta è geolocalizzata attraverso un  piccolo gps inserito nel telaio per cui è rintracciabile in ogni dove. Tutte le bici sono state poi napoletanizzate in maniera molto simpatica con delle stampe, sul telaio o sul portapacchi, di tipiche espressioni dialettali come “Statte accuorto”, ‘A Madonna c’accumpagna!” e “Va’ chiano!”:

E’ doveroso ricordare che il Bike Sharing Napoli è un progetto dell’associazione Cleanap vincitrice del bando “Smart Cities and Communities and Social Innovation” del MIUR – PON Ricerca e Competitività 2007-2013, cofinanziato con risorse del FESR per le Regioni della Convergenza.

Info: www.cleanap.wordpress.com/tag/napoli/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here