Canzone e lingua napoletana, primo master al conservatorio di Salerno

23 giugno, 2015 alle 13:27
125

E’ firmato Conservatorio di Musica “Giuseppe Martucci” di Salerno il primo master italiano sulla “Canzone e lingua napoletana“. Il corso, che ha la direzione scientifica di Pasquale Scialò, sarà attivo nell’anno accademico 2015-2016. Entro il 6 luglio dovranno essere presentate le domande di ammissione; i colloqui, invece, si terranno il 16 luglio. Solo 40 saranno i candidati ammessi a quello che si può definire il primo percorso di studio che consente di conseguire un titolo di studio riconosciuto in Italia e all’estero. Il master prevede lezioni frontali e incontri laboratoriali organizzati in tre ambiti (storico-analitica generale, interpretativa e attività di tirocinio e stage) per apprendere la storia, la diversa fisionomia formale, l’interpretazione vocale e strumentale di una delle espressioni musicali più diffuse al mondo. Il corso si propone l’obiettivo di creare una figura professionale, dall’alto profilo teorico-pratico, in grado di lavorare nello studio, nella conservazione e nella diffusione della canzone napoletana classica. Oltre alla musica e al canto, il master è strutturato in moduli formativi sulla lingua napoletana, con corsi di grammatica, scrittura, pronuncia e conoscenza della letteratura. Il piano di studi permetterà, dunque, ai futuri professionisti della “canzone e della lingua napoletana” di avere una conoscenza globale di quel repertorio che ha avuto il suo massimo splendore tra fine ‘800 e la metà del ‘900, grazie alla presenza di un ampio mercato e alla creazione di un sapiente dosaggio poetico-musicale ad opera, tra gli altri, di poeti come Salvatore Di Giacomo, Ferdinando Russo, Libero Bovio, E. A. Mario e musicisti come Paolo Tosti, Pasquale Costa, Luigi Denza, Vincenzo Valente. Il comitato scientifico del master è composto da: Imma Battista, direttore del Conservatorio di musica “Giuseppe Martucci”; Antonia Lezza, docente di letteratura teatrale italiana all’Università degli studi di Salerno; Francesca Seller, docente di Storia della musica per didattica al Conservatorio “Martucci” di Salerno e membro del consiglio direttivo della Società italiana di musicologia; Ciro Visco, direttore del Coro di Santa Cecilia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here