Al Tarì s’insegna arte orafa e orologeria ai sudafricani

14 dicembre, 2015 alle 20:07
57
orologio

Il Sud Africa chiama e la Campania “gold” risponde… Sarà infatti il centro orafo “Il Tarì” di Marcianise, alle porte di Caserta, ad ospitare “Jwp – Jewellery and watchmaker project”, un programma pilota di corsi internazionali teorici, ma soprattutto pratici, dedicati all’alta formazione professionale nei settori dell’arte orafa, incastonatura di pietre preziose, design del gioiello e orologeria. Protagonisti, 25 giovani dall’età media di 26 anni, selezionati nelle principali Jewellery Schools ed Engineering University sudafricane.

Terminato il percorso formativo, gli allievi saranno in grado di disegnare, progettare e realizzare collezioni, caratterizzate da elementi distintivi ed unici, ma anche di riparare e assemblare qualsiasi tipo di meccanismo di orologeria, antico o contemporaneo.

L’obiettivo del progetto è quello di trasmettere ai giovani allievi il know how e le competenze tipiche dell’arte orafa artigianale, affinché acquisiscano una propria metodologia di lavoro e diventino, alla fine del percorso, ambasciatori in Sud Africa dei valori e delle tradizioni del “Made in Italy”.

Le lezioni affronteranno, infatti, lo studio delle più note e sofisticate tecniche orafe, tutti i segreti dell’alta orologeria e la complessità del design nel comparto del gioiello, in un piano di studi della durata di due anni, durante i quali i giovani s’immergeranno full time nelle attività d’aula in Italia, capitale mondiale del design e, in particolare, in Campania, dove il distretto orafo vanta ben duemila anni di storia.

L’attività è organizzata, pianificata e realizzata dallo staff interno del Tads, Tarì Design School, Scuola di Formazione del Centro Orafo di Marcianise, con l’ausilio di professionalità esterne quali artigiani, maestri, jewellery designer e orologiai di rilevanza internazionale. Previste anche testimonianze dei principali interpreti della cultura orafa contemporanea e del design italiano. Inoltre, per favorire l’interazione tra culture diverse, il Tarì ha reso operativo, a Caserta, un campus con residenze studentesche che ospiterà la delegazione di sudafricani per tutta la durata dell’attività formativa.

Il progetto è organizzato dal Tads in collaborazione con il Governo del Sud Africa e coordinato dall’Ambasciata della Repubblica del Sud Africa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here