Al Pan, “20 anni con Pino (addòve!)”

8 ottobre, 2015 alle 18:39
328
“20 anni con Pino (addòve!)”- foto Alessandro d'Urso

I live, la vita privata, la crew, i backstage, i musicisti, i fans e una galleria di splendidi ritratti del grande artista scomparso prematuramente.

Da venerdì 16 ottobre fino al 10 gennaio 2016, il Pan –Palazzo delle Arti di Napoli ospiterà la mostra “20 anni con Pino (addòve!)”, a cura di Roberta de Fabritiis, che vedrà protagonisti foto e video di Alessandro d’Urso. Il sentito omaggio di un amico a Pino Daniele, con il quale l’autore ha condiviso un ventennio della sua vita personale e professionale e per il quale ha realizzato 8 copertine e tanti video.

Un allestimento costellato da oltre 180 immagini di diverso formato, tra bianco e nero e colore, e da numerose testimonianze video messe a disposizione del pubblico, che potrà goderne attraverso postazioni ad hoc.

Più che una mostra, una vera e propria dichiarazione d’amore e di stima autentica. Una testimonianza per immagini, capace di emozionare e  coinvolgere come solo la fotografia d’autore sa fare, pronta a raccontare non solo Pino Daniele, ma anche le suggestioni e i sogni di quel giovane fotografo che un bel giorno si è ritrovato a confrontarsi professionalmente con uno dei suoi miti, un mostro sacro della musica. Incontro dal quale è poi nata una lunga e bella amicizia.

Le immagini in esposizione, la maggior parte delle quali inedite, raccontano Pino Daniele dal 1990 al 2008 nel pubblico e nel privato. Il periodo professionalmente più intenso per il cantautore che proprio in quegli anni ha collaborato con artisti del calibro di Pat Metheny, Al Di Meola, Peter Erskine, Rachel Z, Jimmy Earl, realizzato alcuni memorabili concerti e pubblicato due degli album di maggior successo: “Non calpestare i fiori nel deserto” e “Dimmi cosa succede sulla terra”.

Le foto in mostra sono realizzate su pellicola e hanno quindi un sapore diverso, perché sanno raccontare il momento e l’emozione che c’è dietro lo scatto. Con la pellicola l’imperfezione diventa linguaggio perché la grana, la luce, l’esposizione, tutto concorre a creare un’immagine a volte non perfetta, ma unica e per questo poetica.

Ingresso alla mostra: 6 euro.

www.20anniconpino.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here