Al Madre si apprende… “L’Arte di Partorire”

8 maggio, 2015 alle 15:23
59
Mamma in attesa

Ma chi l’ha detto che i corsi pre-parto si tengono solo in palestra? Di sicuro non il ginecologo e collezionista Antonio Martino e la psicologa dell’arte Miriam Mirolla, ideatori del progetto “Partorire con l’Arte ovvero L’Arte di Partorire” che, dall’11 maggio al 22 giugno, approderà al Museo Madre di Napoli.

Un corso di preludio al parto innovativo, pionieristico, interdisciplinare e gratuito, articolato in sei incontri settimanali, rivolto alle future mamme, ai partner e a chiunque volesse approfondire il tema della bellezza della nascita.
Invitare donne incinte in un museo d’arte contemporanea piuttosto che in ospedale è un atto semplice quanto rivoluzionario, perché presuppone l’idea che la maternità sia uno dei più straordinari eventi creativi e un’opportunità di fare un salto evolutivo verso il futuro. Passando dall’ospedale al museo, ogni donna potrà rimanere al centro di relazioni vive e stimolanti fondate sul piacere dell’arte e sulla maggiore conoscenza di sé, potrà ricevere le informazioni mediche più all’avanguardia e scoprire le novità della cultura contemporanea direttamente dalla viva voce dei suoi protagonisti.

Il via, lunedì 11 maggio alle ore 18, nella sala delle Colonne, con “Psiche, l’Annunciazione e l’autopercezione. Primo trimestre di gravidanza”.
Agli appuntamenti prenderanno parte studiosi, artisti e scienziati di fama internazionale in grado di fare luce su una potentissima radice femminile nella scienza, nell’arte e nella storia sociale di Napoli, da valorizzare sempre più, anche in relazione alla tradizione e alla storia della sua importante Scuola di Ostetricia.

A conclusione del ciclo di incontri, il Madre annuncerà l’adesione al progetto “Nati con la cultura” rivolto ai futuri nascituri e ai loro genitori, che prevede il rilascio, al momento della nascita, di un “passaporto culturale”, che consentirà ai neonati e alle loro famiglie l’ingresso gratuito al museo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here