Da Gay Odin nasce CioccolatoForesta, il nuovo tempio del buon gusto “made in Napoli”

20 marzo, 2014 alle 15:05
247

Buono? E’ dir poco. Il cioccolato di Gay Odin è sublime, squisito, inebriante. Un’autentica cascata di sapori pronta a travolgere anche il più esigente dei palati. E che dire dello straordinario “Foresta”? Rami di delizioso cioccolato al latte dall’aspetto inimitabile, specialità della rinomata azienda napoletana di Vico Vetriera: il loro gusto aromatico e vellutato non ha rivali al mondo. Chi lo prova una volta non potrà più farne a meno. E allora: perché non assaggiarne un pezzo nel nuovo ed elegante show room del gusto di via Carducci?

E’ qui, infatti, nel cuore di Chiaja, a pochi passi da piazza San Pasquale, che ha aperto i battenti un nuovo spazio interamente dedicato al cioccolato in tutte le sue più svariate declinazioni. Uno spazio ovviamente “griffato” Gay Odin, nato dall’esperienza di una storica fabbrica di cioccolato presente in riva al Golfo dal 1894, e di cui propone i prodotti, ma in una chiave più moderna, aggiornata ai gusti e ai riti di consumo di un pubblico giovane e goloso.

CioccolatoForesta. Di cuore e di testa” è aperto tutti i giorni dalle 9.30 alle 21.00: dalla prima colazione del mattino al dopo cena goloso. “L’offerta è ampissima e studiata per lo più per un pubblico giovane” come ci tiene a spiegare Marisa Maglietta, titolare, insieme con i figli Dimitri, Davide, Sveva e il genero Massimo Schisa (marito di Sveva) dello storico marchio partenopeo. Il tutto senza però trascurare le mamme con bambini a cui Cioccolatoforesta dedica le “merende buone” di una volta: il famoso pane con il cioccolato, fresco di forno. Farcito al momento. Così come le brioche. E che dire del gelato sano e artigianale, e della cioccolata calda come tradizione comanda?

“Qui tutto viene realizzato manualmente, in maniera artigianale. Perché ciò che più conta è la bontà del prodotto” spiega Dimitri Maglietta, scandendo lo slogan della casa: “Nella nostra bottega facciamo il buono con passione”.

[charme-gallery]

Il nuovo negozio, di 80mq, ha l’angolo del “pane con il cioccolato” e quello delle torte dove spicca la “Foresta caprese”: una torta genuina, realizzata senza aromi artificiali, fatta secondo un’antica ricetta casalinga. Ma anche un angolo riservato al salato.

Con l’arrivo dell’estate la frutta fresca diventerà protagonista, ma sempre in abbinamento al cioccolato. Una novità, inoltre, è il “cioccocuoppo” da passeggio: una trovata che unisce il classico “cuoppo” napoletano con una manciata di perle gustose. Chi lo vorrà potrà dunque acquistare un cartoccio di cioccolatini nudi o di noci e ghiande da sgranocchiare, poi, strada facendo. E ancora, fiore all’occhiello dell’angolo del gusto di via Carducci: due fontane a getto continuo di cioccolato foresta e cioccolato ghianda fuso, la più golosa tentazione per guarnire tazze di latte, caffè o fette di torta.

Si può consumare al banco, o seduti ai tavolini, un caffè al cioccolato, una fetta di torta, un gelato, un frappè o una fetta di pane ricoperta di crema spalmabile. Il cioccolato, ovviamente, è il grande protagonista, presentato in infinite vesti: caldo, liquido, freddo, fondente, al latte, da bere o da spalmare, sempre di altissima qualità secondo la grande tradizione Gay Odin. La scelta degli ingredienti e le tecniche di lavorazione seguono infatti i più alti standard di qualità: i milk shake e il latte al cioccolato sono realizzati con il Latte Nobile dell’Appennino campano, prodotto di eccellenza e Presidio Slow Food.  “Ma tutto è fatto rigorosamente a mano, proprio come avveniva un tempo” ribadisce Dimitri Maglietta. “Cioccolatoforesta” è anche attento all’Ambiente: il servizio è garantito con piatti, bicchieri, coppette e posate bio compostabili.

[charme-gallery]

“Gay Odin rappresenta, oggi, uno dei marchi di eccellenza di una città, che vuole risorgere” sottolinea Marisa Maglietta. “Napoli – aggiunge – ha tutte le qualità e le risorse per tornare ad essere la capitale europea che Isidoro Odin trovò, alla fine dell’Ottocento, quando da Alba decise di trasferirsi nei vicoli di Chiaja per impiantarvi la sua famosa cioccolateria”. Una città che rende omaggio al regista Paolo Sorrentino, napoletano d’origine e fresco vincitore del premio Oscar per il suo film “La Grande Bellezza”. Proprio a Sorrentino, Gay Odin ha inteso dedicare un uovo di Pasqua speciale: “Pesa  300 chili. Ed è dedicato a un’altra delle eccellenze di questa nostra fantastica terra” conclude Marisa Maglietta.

Gay Odin
Vico Vetriera, 12 Chiaja (Napoli)
CioccolatoForesta
Via Carducci, 29 Chiaja (Napoli)
www.gay-odin.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here