News / Tesori al chiaro di luna

Napoli “porte aperte” per la Notte dei Musei

Sabato 30 novembre i luoghi d’arte fanno le ore piccole. All’ombra delle antiche mura di Castel Sant’Elmo e tra le lussuose stanze della Reggia di Capodimonte, performance artistiche, mostre pittoriche e tour guidati accompagneranno i visitatori alla scoperta dei capolavori di Partenope.
di Arianna Esposito
27 novembre 2013

Pronti a trascorrere una serata insolita, ricca di fascino, cultura e arte? L’appuntamento è per sabato 30 novembre a Napoli, tra i verdeggianti viali del Museo di Capodimonte e la storica fortezza collinare di  Castel Sant’Elmo, due luoghi d’arte e cultura tra i più belli in assoluto di tutta Partenope, inseriti nell’iniziativa “Una Notte al Museo”, promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali.

La rassegna prevede ogni fine del mese, itinerari di sviluppo culturale “fuori orario” per dare a cittadini e turisti la possibilità di scoprire aspetti inediti del patrimonio artistico e storico dello Stivale, regione per regione. All’evento partecipa anche la Campania che a Napoli apre le porte di due siti museali d’eccellenza.

Un manifesto dei magazzini MeleInterno di Castel Sant'ElmoSalone della reggia di CapodimonteArazzo della collezione d'AvalosMuseo del '900

Dalle 20.00 alle 23.30 c’è dunque la possibilità di prendere parte a un viaggio davvero unico nel maestoso complesso della Reggia collinare, sotto la guida degli studenti di Museologia del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Napoli Federico II cui toccherà il ruolo di Ciceroni.

All’ingresso del plesso che ospita la straordinaria Collezione Farnese, saranno posizionate quattro stazioni di partenza che costituiscono il trampolino di lancio per altrettanti percorsi di visita corredati dalle informazioni sulla storia, sulle varie collezioni e le numerose opere esposte nelle sale del palazzo reale.

Si parte con la sezione dedicata all’800 napoletano al piano ammezzato, con l’esposizione permanente “Manifesti Mele” recante le opere donate al Museo dagli eredi di Emiddio e Alfonso Mele, imprenditori illuminati, nonché fautori degli omonimi “grandi magazzini”.

Vista notturna da Castel Sant'ElmoDanza al chiar di lunaSala del Museo di CapodimonteUn dettaglio dell'appartamento reale"Vesuvius" di Andy Warhol

Si prosegue, poi, al primo piano tra i sontuosi saloni dell’Appartamento Reale, fino a salire su, al secondo piano, nelle antiche sale in cui risplendono gli arazzi della Collezione d’Avalos. La chiusura del “grand tour” è in bellezza con l’interpretazione contemporanea del Vesuvio secondo Andy Warhol.

In questa grande festa della cultura, spazio anche alla regina dell’espressione corporea: la danza, autentica protagonista negli ambienti di Castel Sant’Elmo, seconda meta della “Notte dei Musei” made in Partenope con l’esibizione  della compagnia di balletto “Ivir Danza” sulle note di grandi autori del  calibro di Max Richter, Olafur Arnalds e Antonio Vivaldi e le coreografie di Irma Cardano. Dalle 20.30 fino alle 22.00, i ballerini volteggeranno in mezzo agli spazi della gloriosa Piazza d’Armi e quelli del Museo del Novecento, il nuovo progetto del castello che raccoglie  circa 170 opere realizzate da 90 artisti napoletani in onore della tradizione del “secolo breve”.

“Una notte al Museo”, Napoli 30 novembre
Museo di Capodimonte, Via Miano, 2, Napoli (ore 20.00-23.30)
Castel Sant’Elmo, Via Tito Angelini, 20, Napoli (ore 20.30- 21.15- 22.00)
Per info programma: www.beniculturali.it
numero verde Mibact: 800.99.11.99