A Napoli, una mostra dedicata ai presepi più piccoli del mondo

30 dicembre, 2013 alle 18:11
160

Il presepe più piccolo del mondo? Esiste per davvero e si trova a Napoli, negli spazi del Museum-Shop di Piazza Largo di Corpo, nel cuore di via Spaccanapoli.
Il complesso del Centro storico ospiterà, infatti, fino al 7 gennaio 2014 una mostra con ben 33 esemplari di presepi in miniatura, opere da guinness che non conoscono eguali al mondo, realizzate dalle pazienti mani di don Antonio Esposito, sacerdote di Castellammare di Stabia ed eccellente maestro dell’arte presepiale con alle spalle oltre mezzo secolo di lavori. Non a caso i primi esemplari di “mini presepi” composti dal prete stabiese risalgono agli anni 40 del XX secolo!

Tuttavia, la vera particolarità di queste piccole ma grandi opere d’arte realizzate con minuzia di particolari, è il materiale con cui esse sono composte: gusci di frutta secca, fatti di uovo o castagna, pastori di sughero intagliato o addirittura creati con sole gocce di colore ad olio seccate su strati successivi. Solo un “assaggio” degli ingredienti “rubati” alla dispensa alimentare ed alla tavolozza del pittore per ricreare la sacra scena con  effetti decisamente originali.

[charme-gallery]

Ancora, per la vegetazione vengono utilizzati minuscoli ramoscelli o pezzetti di pino immersi nella trementina colorata in modo da conservarli a lungo.
Il tutto conferisce alla capanna di Giuseppe e Maria e a tutto ciò che c’è attorno, un’atmosfera davvero unica.
L’esposizione dei presepi da primati è stata resa possibile grazie al contributo dell’Associazione Culturale Teatro di Kostja Treplev e dell’artista Manuela Mirabile che ha scovato ogni piccolo dettaglio per rendere davvero speciale  la rappresentazione della Natività.

La mostra è gratuita ed aperta a tutti. Unica indicazione da seguire: munirsi di lente d’ingrandimento all’ingresso,  in modo da scrutare con occhio attento ogni minimo particolare dei modellini in  miniatura.

 “I presepi da Guinness”
Museum-Shop , Largo Corpo di Napoli
Fino al 7 gennaio 2014, dalle ore 10 alle ore 20
Ingresso libero, info: 081 360 4228