News / Arte di strada

Le nuove forme d’arte, presentate a Castel Sant’Elmo

Giovedì 27 marzo, nelle sale del museo del ‘900, la sezione interna allo storico forziere di San Martino, si discuterà delle emergenti espressioni artistiche, dalla "street art” al graffitismo
di Arianna Esposito
27 marzo 2014

L’arte di strada e le sue molteplici declinazioni saranno protagoniste dell’appuntamento di giovedì 27 marzo a Napoli.
La rassegna si terrà all’interno del salone delle sculture del Museo del Novecento, ospitato dal suggestivo complesso storico di Castel Sant’Elmo.

L’incontro si inserisce  nell’ambito della terza edizione della rassegna sull’arte contemporanea e  fa parte di un ciclo che dopo avere esplorato le esperienze artistiche degli anni’80, avvia ora un confronto con gli artisti moderni del panorama nazionale che sono considerati gli eredi delle nuove forme d’espressione visuale.

Spazio dunque alla cosiddetta “street art”, ovvero l’arte di strada, una tendenza sempre più in voga negli ultimi tempi che trova la sua massima espressione nelle tecniche di graffitismo e Urban Art.

Ingresso di Castel Sant'ElmoInterno del museoMuseo del'900Le opere di Iabo in mostraI graffitismi di Iabo

Si tratta di tutte opere frutto di un sentire comune  che nasce e si sviluppa proprio a partire dal rapporto con gli spazi urbani che diventano parte integrante del materiale su cui l’artista lavora. A moderare l’incontro con il loro prezioso contributo saranno Olga Scotto di Vettimo, storica dell’arte e docente all’Accademia di Belle Arti di Napoli e Mario Francesco Simeone, storico dell’arte e giornalista che si confronteranno con Iabo, giovane artista, esponente della nascita e dello sviluppo del movimento del’arte urbana partenopea.

L’evento rappresenta un’interessante occasione per conoscere e approfondire le emergenti forme d’arte attraverso un tipo d’interazione diretta e stimolante, coadiuvata da dibattiti, presentazioni, incontri con gli artisti, visite nel museo e proiezioni video.

“Dal graffitismo alla street art, ipotesi aperte”
Giovedì 27 marzo, ore 17.00 Museo del’900, via Tito Angelini 22 Napoli