News / Note e versi

L’antica posteggia rivive a Palazzo Venezia

Domani (giovedì 17 luglio), a partire dalle ore 21, l’appuntamento nella vecchia sede consolare della Serenissima. Nei saloni dell’antico edificio di via Benedetto Croce risuoneranno le melodie del passato rivisitate in chiave moderna e riproposte dai “Posteggiatori Tristi”
di Sergio Gradogna
16 luglio 2014

L’antica posteggia rivive a Napoli grazie alle performance dei “Posteggiatori Tristi” che si esibiranno domani, a partire dalle ore 21, negli eleganti spazi di Palazzo Venezia. Il nome del gruppo sembra evocare tristezza, eppure il loro modo di riproporre la musica che i vecchi maestri posteggiatori suonavano, un tempo, in giro per piazze, locande e locali d’ogni tipo, regala un sorriso a chi la ascolta.

Gruppo formato da un pokerissimo di elementi,  musicisti ed attori al tempo stesso, i Posteggiatori Tristi hanno nell’espressione comica e clownesca della musica il proprio punto di forza. Già vincitori del Premio Carosone, nel loro primo disco “E nulla cambierà” hanno rivisto e “corretto”  la canzone napoletana dando vita ad una posteggia in chiave contemporanea capace di giocare con i classici attraverso rocambolesche interpretazioni comico teatrali. Una melodia tipica in cui si mescolano varie influenze musicali.

L’appuntamento con le performances dei “Posteggiatori Tristi” è dunque in programma domani sera, negli spazi dell’edificio che ai tempi del Regno di Napoli ospitava la sede consolare della Repubblica di Venezia. Gli ospiti, oltre a godersi la “posteggia” ed un piacevole aperitivo, avranno anche l’occasione di fare una visita guidata ai saloni dello storico palazzo di via Benedetto Croce. E’ consigliata la prenotazione.

www.palazzovenezianapoli.it