A San Marco dei Cavoti la festa del torrone e del croccantino

4 novembre, 2014 alle 09:35
129
Festa del croccantino e del torrone

Tanto da fare e soprattutto da assaggiare per gli amanti del torrone! Due i week end dedicati al dolce…torrefatto in programma nella terra delle streghe. A San Marco dei Gavoti, per la precisione. Si parte nel primo fine settimana di dicembre, in corrispondenza della festività dell’Immacolata, e poi in quello successivo del 13 e 14 dicembre. Nel primo dei due week end, la festa del torrone proporrà – domenica 7 dicembre – quello che è considerato il momento più atteso dagli habitue’ dell’evento: la preparazione di un megacroccantino!! A questo fine, la centrale Via Roma del comune sannita sarà attraversata da un interminabile fiume di nocciole, mandorle, miele e cioccolato fondente, pronto (in dimensioni da guinness!) per il goloso assalto dei turisti ad un torroncino che sarà lungo oltre 30 metri!!

Per il “secondo tempo” della kermesse dolciaria (weekend del 13 e 14 dicembre), gli ospiti potranno partecipare a eventi culturali, musicali, e momenti di degustazione a base di tanta sana e buona cucina locale, non dimenticando tutto lo shopping possibile e immaginabile negli stand dei croccantini e delle prelibatezze artigianali prodotte nella Valle del fiume Fortore. Ma la curiosità ci porta anche a conoscere, oltre ai sapori veri e propri, anche il modo in cui questi sono arrivati fino a noi, sfidando la forza dei secoli. E non a caso, per quanto riguarda la produzione di torrone e croccantini sammarchesi, si torna indietro sino al XIX secolo circa. E’ in quegli anni, infatti, che vede la luce il rinomato croccantino.

Questo grazie all’inventiva dolciaria del cavalier Innocenzo Borrillo. E’ a lui che si deve la fortunata intuizione di concentrare tutta la dolcezza possibile in un torroncino dalle dimensioni e dalle fattezze innovative. Ed è da questo punto che la storia di San Marco dei Cavoti segna un passaggio decisivo lungo il sentiero dei sapori d’autore. Perché da quel momento, altri, dopo il Cavalier Borrillo, si cimentarono nella pregevole arte dolciaria del torroncino, perfezionando l’ormai celebre “croccantino”, fino a farlo diventare un prodotto famoso e diffuso in tutto il mondo. Oggi sono nove le case produttrici del torrone sammarchese, nove laboratori che, fra la tradizione del torrone Baci e del Croccantino e l’innovazione delle sue varianti, continuano a riscuotere conferme e successi in Italia ma anche all’estero.

Info su www.lafestadeltorrone.it/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here