News / Gite fuori porta

Segreti e misteri della Real Casa

Prima domenica del mese e quindi ingresso gratuito ai Musei in tutto lo stivale e a Caserta, per l’occasione, gli ospiti saranno guidati alla scoperta dei luoghi nascosti e delle curiosità della Reggia
di Sergio Gradogna
25 febbraio 2015

Il 1° marzo, prima domenica del mese in cui è previsto l’ingresso gratuito nei musei statali, sarà riproposta la visita guidata alla volta ellittica e ai sottotetti del Palazzo Reale, alla scoperta delle coperture dello Scalone d’onore.

I visitatori saranno accompagnati nel luogo destinato ad ospitare i musicisti di Corte, la dove si gode l’affaccio proprio sullo scalone d’onore e dove più in avanti potranno osservare il complesso sistema di elementi che sostiene la doppia volta e l’area dei sottotetti. Questi, tra l’altro, erano gli spazi che durante la seconda guerra mondiale ospitarono soldati e prigionieri. E proprio in questi ambienti si troveranno, lungo il tragitto del tour, suggestivi graffiti lasciati dagli ospiti e una serie di oggetti risalenti all’epoca degli eventi bellici.

La promenade guidata avrà una durata di 1 ora e mezza circa e sarà possibile farne parte in tre turni di visita. Alle ore 10, 11,30 e  alle 15,30 con appuntamento per i partecipanti presso la biglietteria della Reggia. Prenotazione obbligatoria per e-mail o telefonica (vincenzo.mazzarella@beniculturali.it; 0823-277550).

Nella stessa giornata, alla Reggia c’è un’altra iniziativa dedicata per lo più ai numerosi appassionati di botanica. Infatti, nel Teatro di Corte della Reggia, con inizio alle 9,30 si terrà l’incontro di studi “Le Camelie della Castelluccia” organizzato dalla Soprintendenza in collaborazione con l’Associazione GeoCultura e la Società Italiana della Camelia. E non finisce qui, perché dopo l’interessante audizione è prevista, per i partecipanti, una visita alla Castelluccia della Reggia per ammirare la famosa “Camellia japonica”. Questa specie, fu impiantata per la prima volta in Italia nel Giardino inglese della casa imperiale casertana nel 1786 dal giardiniere di Corte John Andrew Graefer, e ancora oggi rappresenta una delle più antiche camelie in Europa.

Gli amanti del reportage fotografico presenti, potranno poi condividere il loro 1° marzo con foto e dediche sulle pagine social della Reggia (www.facebook.com/reggiaufficiale?fref=ts e twitter agli account @CasertaReggia e @Reggiace) utilizzando l’hashtag #allareggiaconNoi.