La pizza napoletana dell’anno è dei fratelli Salvo. Parola di Gambero Rosso

Tre Spicchi e Premio speciale della Guida alle Pizzerie d'Italia 2018: bottino pieno dei fratelli Salvo di San Giorgio a Cremano, pizzaioli da tre generazioni

21 settembre, 2017 alle 13:22
650
pizza_napoletana_dell'anno al paparuolo mbuttunato dei fratelli Salvo
La pizza napoletana dell'anno secondo Gambero Rosso

La pizza napoletana dell’anno è al Paparuolo ‘mbuttunato inventata dai fratelli Francesco e Salvatore Salvo della Pizzeria Salvo da Tre Generazioni di San Giorgio a Cremano. Lo ha decretato Gambero Rosso. Che alla Pizzeria Salvo ha anche assegnato ben Tre Spicchi nella sua guida dedicata alle Pizzerie d’Italia 2018.

E così i fratelli Francesco e Salvatore Salvo portano a casa due prestigiosi riconoscimenti. Laura Mantovano, responsabile per il Gambero Rosso della guida, li ha premiati l’altro giorno con il massimo riconoscimento del settore, i Tre Spicchi, appunto, e anche con l’ambito premio speciale per la miglior pizza dell’anno per la sezione pizza napoletana.

Premo pizza napoletana dell'anno di Gambero Rosso ai fratelli Salvo, Pizzaioli da tre generazioni
La pizza napoletana dell’anno secondo Gambero Rosso è al paparuolo mbuttunato dei fratelli Salvo, Pizzaioli da tre generazioni

Pensata assieme allo chef stellato Nino Di Costanzo del Danì Maison di Ischia, la pizza napoletana dell’ano è quella al Paparuolo ‘mbuttunato.  “Si tratta di una pizza profondamente legata alla tradizione campana e alla storia della nostra famiglia – spiega Salvatore Salvo – La ricetta del peperone è quella di mia nonna, ma rielaborata grazie alla tecniche di cucina del grande chef Nino Di Costanzo, cui dedichiamo questo premio”.

Gli ingredienti della pizza napoletana dell’anno secondo Gambero Rosso sono crema di peperone giallo, fiordilatte, bufala affumicata, provolone stagionato, peperoni marinati, prezzemolo,  capperi croccanti,  olive nere e pane croccante.

“Il nostro obiettivo è di essere innovativi senza mai dimenticare la tradizione, così questa pizza fa parte della “nouvelle vague” delle piizze stellate, quelle che nascono da nostre proposte che realizziamo in collaborazione con grandi chef, come Cerea, Gennaro Esposito, Knamm, Salomone, Oldani e Salvatore Bianco” conclude Francesco Salvo felice per aver ricevuto i tre spicchi e il premio speciale Pizza napoletana dell’anno.