Sapori / Ricette della cucina campana

Spaghetti.. magari ne assaggio un po’

E se alle 3 di notte, di una notte di mezzi tempi, o di quando vi pare a voi, vi viene voglia di uno spaghetto “al volo, al volo”, provate con questa ricetta di un nostro fan di Procida
di Sergio Gradogna
12 novembre 2015

Riceviamo e pubblichiamo tel quel, la ricetta di questo spaghetto stuzzica fame, ricevuto da un ormai caro amico della sezione sapori di Charme. Fantasia e semplicità sono sempre un’ottima base di partenza per un piatto gustoso e di successo. E questo potrebbe facilmente esserlo.

“Questa ricetta è nata una sera per finire in bellezza una festa di fine estate. Nonostante durante la serata si mangiò parecchio ero deciso a concludere l’happening con il classico spaghetto di mezzanotte (anche se  poi erano le 3.00 di notte). Ma non volevo proporre il classico spaghetto aglio e olio.. volevo qualcosa di diverso. Il programma della compagnia era quello di finire l’adunata al mare, con un bagno all’alba. Questo fu il motivo per il quale alcuni, quando mi videro iniziare ad armeggiare ai fornelli dissero “non vorremo mangiare più niente per poterci tuffare tranquillamente”. La mia sfida era proprio questa.. far mangiare tutti!! Allora presi la mia padellona e iniziai a cucinare sul fornellino da campeggio davanti a tutti che ormai sazi, stanchi erano solo in attesa dell’agognato tuffo.

Ingredienti (le dosi non le ho indicate perché dipende dal numero di persone presenti e dai gusti.. ma se volete un consiglio, abbondare su tutto). Noci sgusciate, Pinoli ,Capperi sotto sale, Olive nere, Aglio, Olio extravergine di olive, Vino bianco, Peperoncino, Spaghetti di grano duro

Il procedimento è molto semplice basta far soffriggere in abbondante olio extravergine di oliva tutti gli ingredienti aggiungendo un po’ di ottimo vino bianco ma senza sale perché ci sono i capperi.

Vi assicuro che durante la cottura la maggior parte degli invitati aveva già cambiato idea e mormoravano.. “magari ne assaggiò un po’ da te”

Cuocere e scolare gli spaghetti molto al dente e finire la cottura in padella avendo cura di aggiungere un po’ di acqua di cottura. Non dimenticate il peperoncino, e buon appetito.

P.S.
Per la cronaca, eravamo una ventina.. 2,5 kg di spaghetti furono appena sufficienti”