Risotto con gamberi allo sfusato di Amalfi. Colorato profumo di costiera

27 aprile, 2015 alle 16:20
60
risotto gamberi e sfusato amalfi

Le ricette della cucina tipica della Campania.

Lo sfusato di Amalfi è uno dei prodotti top della produzione della costa a terrazze che da Sorrento arriva sino a Vietri. Cliccando sul link in parentesi, troverete tante notizie utili per conoscere ancora meglio questo IGP tutto campano (www.limonecostadamalfiigp.com). Usato in questa ricetta, le dona quell’aroma e quel profumo che solo una terra coperta dai venti di terra ed esposta sola verso il mare può dare ad uno dei suoi frutti.

Ingredienti per 4 persone: 400g riso; 600g gamberi/etti freschissimi, 50g prezzemolo tritato, 50g scalogno, 50g vino bianco (falangina del Vesuvio se possibile), 4 tuorli d’uovo, 30g parmigiano grattugiato, succo e scorza grattugiata di 2 limoni, 50g burro, olio extravergine d’oliva, sale, ciuffetto prezzemolo

Preparazione

Pulire i gamberetti, eliminandone teste e gusci e filamento nero dorsale. Preparate quindi un brodo di pesce, facendo bollire i gusci e le teste precedentemente eliminate,  per pochi minuti in acqua. Nel mentre, in una pentola capiente, fate soffriggere lo scalogno, aggiungete il riso e fatelo tostare qualche minuto a fuoco basso. Sfumate con il vino bianco sino a farlo evaporare. Aggiungete il brodo di pesce fatto, cuocendo così il riso poco per volta. Occorreranno dai 16 ai 20 minuti. A parte, intanto, tagliate e a pezzettini piccoli i gamberetti crudi e con un po’ di brodo di pesce, metteteli da parte. In una bacinella mescolare tuorli, burro, succo e scorza di limone (attenzione a non grattare anche parte bianca, è amara), prezzemolo tritato e parmigiano. Quando il riso sarà a 3/4 della cottura, aggiungere i gamberi e continuate a cuocere. Ad un minuto dalla cottura definitiva, amalgamare il tutto anche con l’emulsione di burro, tuorli e limone. Servire subito, adornando con qualche fogliolina di prezzemolo se volete.

Ricetta tratta e modificata da “Dolci in famiglia” di Salvatore De Riso

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here