Spaghetti ai ricci di mare. Gusto intenso del golfo

4 maggio, 2016 alle 12:29
83
spaghetti ricci di mare ricetta

Le ricette della cucina tipica napoletana.

Non è difficile procurarsi la materia prima di questo piatto. Il vostro pescivendolo di fiducia ve ne fornirà sicuramente di quelli belli freschi, appena pescati. Comunque sia diamo anche qualche indicazione e specifichiamo meglio le voci diffuse su questo speciale e gustoso frutto del mare. Tra i ricci, quelli buoni da mangiare, hanno aculei marroni, rossicci, brunastri o violacei che li distinguono dal nero di altri esemplari. Tra i ricci di mare le specie più comuni e conosciute sono due: il Paracentrotus lividus, specie colorata, e l’Arbacia lixula, specie nera. Entrambe le specie hanno sia il maschio che le femmine. Le tradizioni popolari hanno portato a chiamare i colorati ricci-femmina ed i neri ricci-maschio.

Questa credenza è data dal fatto che erroneamente si pensa di mangiare del riccio le uova, ed essendo soltanto la specie colorata ad uso commestibile, ecco che è stato dato loro il nome di femmine. Ma non è così. Le gonadi interne, quelle che mangiamo, non sono le loro uova. La specie commestibile quindi è quella colorata (Paracentrotus lividus) di cui mangiamo come scritto le gonadi sia del maschio che della femmina, mentre le gonadi della specie color nero (Arbacia lixula) non sono commestibili. Ma passiamo subito alla ricetta che ci scrive lo chef del Mister Steak di Pozzuoli.

Ingredienti per 2 persone: 200 gr spaghetti, quattro/cinque di ricci di mare, qualche fogliolina di menta, una grattugiata di buccia di limone (meglio se di Amalfi o Procida), uno spicchio d’aglio, olio evo, sale, ciuffetto di prezzemolo

Preparazione.

In una padella rosolare uno spicchio d’aglio. Nel frattempo cuocere la pasta molto al dente. Una volta rosolato l’aglio, togliere la padella dal fuoco eliminando l’aglio  a sua imbionditura. Puliti intanto anche i ricci, tagliando la parte superiore del riccio (quella opposta a dove si trova la bocca) e svuotandolo della sua acqua e delle piccole alghe che sono all’interno per poi estrarre le gonadi di color arancione con un cucchiaino. Unire la pasta all’olio, e aggiungere anche i ricci e le fogliolina di menta (poche). Mantecare mettendo anche un cucchiaio o due di acqua di bollitura che serve per amalgamare. Giusto un minuto sul fuoco e impiattare con la grattugiata di limone e il ciuffetto di prezzemolo tritato. Sentite già il  suo profumo intenso?

A questo link la pagina facebook del Mister Steak di Pozzuoli:

https://www.facebook.com/MisterSteak/?fref=ts