Sapori / Le ricette della cucina napoletana

Tradizioni da rispettare. La zuppa di cozze del Giovedì Santo

Gustosa, succulenta. Semplicemente squisita. “’A zuppa e cozze”, può essere servita sia come antipasto, sia come secondo di pesce
di Iolanda Canale
1 aprile 2015

Le ricetta della cucina napoletana tradizionale.

A Napoli, la sera del Giovedì  che precede la Santa Pasqua, dopo aver terminato i Sepolcri è tradizione fermarsi in uno dei caratteristici locali partenopei per gustare la storica zuppa di cozze; piatto “finto povero”  ricco di sapore, viene servito sulla fresella di grano bagnata con il sugo di questa fantastica zuppa.

Ingredienti per 4 persone: 1 Kg di cozze pulite,  1 polpo di 500 g, 500 g di vongole o maruzzielli, olio extravergine, sale, 1 peperoncino, aglio, prezzemolo, 1 scatola di pomodori pelati da 1 Kg, 4 freselle.

Preparazione.

Pulire a lavare accuratamente le cozze e metterle in un tegame con coperchio, senza aggiungere altro. Cuocere a fuoco moderato fino a farle aprire tutte. Tenere da parte le cozze e la loro acqua, opportunamente filtrata. Fare la stessa cosa per le vongole, in un tegame a parte.

Lessare il polpo in poca acqua bollente salata e, una volta cotto, tenerlo da parte insieme alla sua acqua di cottura.

Prepariamo l’olio piccante: scaldare 4 cucchiai di olio in una padella e far soffriggere il peperoncino e il pomodoro (useremo la parte più liquida dei pomodori pelati) a fuoco basso per 10 minuti. Filtrare questo sughetto e tenerlo da parte.

Procediamo con la preparazione della zuppa: in un tegame (possibilmente di coccio) scaldare 8 cucchiai di olio e lasciar soffriggere dolcemente l’aglio. Aggiungere i pomodori pelati tagliati a pezzetti. Salare e cuocere per 15 minuti. Aggiungere l’acqua filtrata del polpo, delle vongole e delle cozze. Cuocere ancora 10 minuti. Adesso possiamo inserire nella zuppa il polpo a pezzi ed i frutti di mare privati della valva vuota.

Scaldiamo per bene il tutto e aggiungiamo il prezzemolo tritato finemente.

Si serve in un piatto fondo:  si posa la fresella sul fondo del piatto e poi si bagna abbondantemente con il brodo della zuppa. Completare il piatto con abbondanti frutti di mare, polpo ed un “giro” di olio piccante , indispensabile.

Fonte: www.brigatadicucina.it