Sapori / Ricette della cucina napoletana

Regina della tavola di tutti i giorni. Pasta e lenticchie alla napoletana

Con vermicelli spezzati o tubettini, fate voi. L’importante è che questo piatto non risulti brodoso perché “azzeccoso” è più buono assai
di Sergio Gradogna
8 ottobre 2014

Le ricette della cucina napoletana tradizionale.

E’ uno dei piatti fissi che durante la settimana troverete sicuramente su ogni tavola napoletana. Le lenticchie vengono spesso usate anche per buon’augurio, per scaramanzia. Pensate, a Capodanno se ne consumano oltre 5 milioni di chilogrammi. Non v’è particolare differenza nella preparazione se usate le lenticchie secche o quelle in scatola, ma personalizzatele come più vi piace aggiungendo un ingrediente che a voi piace molto. Noi per esempio aggiungiamo la pancetta, voi potreste, invece, aggiungere straccetti di speck. Come anche se usate un tipo di pasta o un altro non è importante, anche se noi indichiamo i tubettini, la cosa fondamentale è che la pasta cuocia assieme alle lenticchie in maniera che rilasci amido che funga da collante e diventi così un piatto “azzeccoso assai”.

Ingredienti per 4 persone: 320 g lenticchie; 320 g tubettini medi o spaghetti spezzati; 100 gr pancetta affumicata; uno spicchio d’aglio; olio EVO; 4 pomodorini; prezzomolo; sale qb

Preparazione

Mettete in cottura le lenticchie, in abbondante acqua salata. Quando comincia il bollore abbassate la fiamma e portatele a cottura. In un altra pentola fate soffriggere l’aglio nell’olio e poi unite i pomodorini tagliati assieme alla pancetta, e cuocete per qualche minuto eliminando l’aglio ad imbionditura. Aggiungete le lenticchie, e portate a bollore con acqua a sufficienza. A questo punto calate la pasta nella stessa pentola. Se usate i tubettini medi come indicato, la lenticchia si ” nasconderà ” nella pasta. Girate frequentemente con la        ” cucchiarella ” di legno in modo da non far attaccare la pasta sul fondo.

Se necessità, aggiungete altra acqua riscaldata contemporaneamente in un pentolino a parte, ma attenti a non farlo diventare un composto brodoso . Poco prima del termine della cottura aggiungete un po’ di prezzemolo tritato. Darà un tocco in più sul profumo del piatto. Quando è cotta ed azzeccosa, impiattate  facendo riposare il piatto per qualche minuto.