La Mitra di Sara Lubrano tra i gioielli del Tesoro di San Gennaro

La Mitra realizzata dalla giovane artigiana orafa napoletana Sara Lubrano esposta nella Cappella del Tesoro. E’ l’unico gioiello in mostra realizzato da una donna.

27 febbraio, 2017 alle 18:07
1279
Sara- Lubrano-Tesoro-San-Gennaro-Mitra

La sua Mitra sarà il 21.611esimo oggetto in mostra nella Cappella del Tesoro di San Gennaro. La sua opera è stata ritenuta degna di entrare a far parte delle gioie del Santo Patrono ed è la prima opera di una donna riconosciuta meritevole dalla Deputazione di entrare a far parte dell’inestimabile e famoso Tesoro di San Gennaro. Così ha deciso la Eccellentissima Deputazione della Cappella del Tesoro. Sara Lubrano, 31enne giovane jewelry design napoletana, con l’antica tecnica della micro scultura a cera persa, ha realizzato una preziosa mitra che riprende elementi dell’iconografia classica: le ampolle che contengono il sangue del santo, tralci d’uva, rose, la chiave del tesoro e lo stemma della città di Napoli.

Coralli, smeraldi e rubini incorniciano la scritta “jesce e facci grazia” in un gioiello che celebra l’affetto e il legame dell’artista per la sua città e per la tradizione orafa napoletana.  Un gioiello Ideato nel suo negozio-laboratorio in Vicoletto Belledonne a Napoli, dove ogni giorno cesella la bellezza in tutte le sue forme orafe. “È un onore realizzare un gioiello da donare alla mia città – dichiara la Lubrano – Una prova professionale impegnativa per esaltare la storia, l’identità e la passione di un’antica arte che ho scelto come lavoro. Una scelta che rinnovo ogni giorno e che oggi mi gratifica enormemente nel vedere una mia opera esposta nel museo del Tesoro di San Gennaro”.

L’inserimento della mitra di Sara Lubrano tra i gioielli del Museo del Tesoro di San Gennaro è un evento storico raggiunto anche grazie all’attività di valorizzazioni di talenti imprenditoriali e professionali femminili, obiettivi da sempre perseguiti dall’associazione EnterprisinGirls (www.enterprisingirls.it) presieduta dalla poliedrica e infaticabile Francesca Vitelli. “La nostra gioia è grande – afferma la presidente di EnterprisinGirls – perché dopo un lungo e impegnativo percorso intrapreso con la Deputazione e il Museo, abbiamo contribuito a valorizzare un talento, quello di Sara Lubrano, in un luogo simbolicamente evocativo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here