News / Sapori della tradizione

Numeri da record per il Napoli Pizza Village

Grande successo per la celebre kermesse gastronomica made in Partenope: più di mezzo milione di persone ha visitato gli stand allestiti sul Lungomare Caracciolo. Organizzatori già al lavoro per la prossima edizione. Si parte a fine mese da Monaco di Baviera dove è in programma l'incontro con il Borgomastro per definire una partnership con l’Oktoberfest
di Mariarosaria Vela
8 settembre 2014

Numeri da record per il “Napoli Pizza Village” edizione 2014! Sono state più di mezzo milione, infatti, le persone che hanno visitato gli stand del gusto allestiti sul Lungomare di via Caracciolo. “Cinquecentomila presenze” che hanno fatto esultare gli organizzatori. “Obiettivo raggiunto!” ha commentato, soddisfatto, il presidente dell’Associazione Pizzaiuoli Napoletani, Sergio Miccù, che ha organizzato l’evento, al termine della serata conclusiva. Oltre centomila le pizze sfornate, ma il pubblico ha apprezzato anche gli eventi interni della manifestazione. E soddisfatto si è mostrato anche il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris: “Anche questa edizione ha confermato come attraverso la collaborazione fra pubblico e privato si possano ottenere risultati preziosi, soprattutto per il settore economico-turistico della nostra città”.

Il 13° Campionato del Mondo del Pizzaiuolo – Trofeo Caputo, che ha laureato il neo campione Valentino Libro da Quarto (Na), è stato tra i momenti più indicativi dell’affluenza di visitatori, che però hanno preso d’assalto anche l’area Family Village dove 12 maestri della pizza hanno impartito lezioni ad aspiranti pizzaiuoli amatoriali, ma che ha ricevuto oltre 10mila richieste di partecipazione. Anche il palco spettacoli, gestito dalla radio ufficiale Kiss Kiss Network, ha avuto una folta adesione.
Bilancio, dunque, più che soddisfacente per la IV edizione del Napoli Pizza Village, ma ora l’organizzazione è già al lavoro per il prossimo anno. Fitto il programma di lavoro che partirà a fine mese da Monaco di Baviera per incontrare il Borgomastro e definire una partnership con l’Oktoberfest. Sarà poi la volta dell’Expò di Milano (maggio-ottobre 2015) dove Napoli Pizza Village sarà ospite al padiglione Italia, mentre a marzo scadrà il termine di presentazione della petizione – lanciata a Napoli dall’ex ministro dell’Agricoltura, Alfonso Pecoraro Scanio (ad oggi conta già 11.763mila firme) – per l’inserimento della pizza nell’elenco dei beni immateriali dell’Unesco. Infine Napoli Pizza Village volerà a New York, in occasione della Maratona cittadina (novembre 2015), per celebrare la pizza partenopea nella centralissima piazza di Time Square.

Fuochi d'artificio sul Lungomare CaraccioloTrionfo di luci per il Napoli Pizza Village targato 2014Il Lungomare di Napoli visto dalla collina di PosillipoSpettacolo di  luci e sapori sul Lungomare Caracciolo per il Napoli Pizza VillageFolla sul Lungomare Caracciolo

I numeri del Napoli Pizza Village 2014:
Materie Prime
Olio, mozzarella, pomodoro e farina sono gli elementi tipici per la preparazione delle oltre 100.000 pizze sfornate al Napoli Pizza Village, con una quantità di consumo da vero e proprio record. Partendo dalla farina, rigorosamente doppio zero dell’azienda che sponsorizza l’evento Molino Caputo, si parla di oltre 84 quintali, mentre la quantità dei pomodori del brand Ciao – della Compagnia Mercantile d’Oltremare – sfiora i 77 quintali. Tra i leader dei consumi: la mozzarella che con i suoi circa 100 quintali, forniti dall’azienda Orchidea e l’olio di oliva, del marchio beneventano Olio Basso, con i suoi quasi 980 litri di utilizzo.
Alti anche i numeri di prodotti consumati: la birra (Nastro Azzurro) con 13mila litri, Pepsi con quasi 45mila litri e oltre 20mila bottigliette d’acqua Lete e i 55.000 caffè del brand Kenon.

Forze dell’ordine
La Polizia Municipale ha disposto 34 vigili urbani e 6 macchine di pattugliamento, oltre il consueto dislocamento di forze, oltre i 150 addetti – sicurezza, accoglienza e Stewart – dell’organizzazione.

Operatori impiegati
Durante i sei giorni sono stati impiegati nelle pizzerie 650 tra pizzaiuoli e camerieri, 25 informatori per la raccolta differenziata e 30 operatori ecologici messi in campo dall’organizzazione. Considerando anche il lavoro di preparazione, montaggio e smontaggio delle strutture si contano oltre 7.800 giornate lavorative.

In mezzo milione hanno visitato gli stand del Napoli Pizza VillageFolla agli spettacoli allestiti durante il Napoli Pizza VillageIl grande pubblico del Pizza Village 2014Festa e assaggi di pizza sul Lungomare CaraccioloNapoli Pizza Village 2014