Si accendono le mille luci di New York a Palazzo Zevallos

Fino al 5 novembre a Palazzo Zevallos Galleria d'Italia di Intesa Sanpaolo in mostra sedici opere di Warhol, Basquiat, Clemente, Haring, Schnabel

15 settembre, 2017 alle 09:00
758
Le Mille luci di New York a Palazzo Zevallos
La mostra le Mille luci di New York nello splendido Palazzo Zevallos

Le mille luci di New York a Palazzo Zevallos Stigliano. Con la mostra di sedici opere di Basquiat, Clemente, Haring, SchnabelWarhol il prestigioso edificio napoletano della banca Intesa Sanpaolo, una delle tre sedi di Gallerie d’Italia, riaccende i riflettori su un antico legame artistico tra Napoli e la città della grande mela. Un legame maturato e culminato negli anni Ottanta, anni in cui Napoli è artisticamente stimolante e internazionale, grazie soprattutto al lavoro di galleristi come Lucio Amelio, Lia Rumma, Morra e Trisorio.

La mostra, curata da Luca Beatrice, presenta una selezione di opere dei cinque grandi artisti, provenienti da collezioni private, quindi raramente disponibili al pubblico, e da istituzioni come il Museo Madre di Napoli, oltre che dalla collezione di Intesa Sanpaolo. L’esposizione sarà aperta al pubblico fino al 5 novembre 2017. Domenica 17 settembre, ingresso gratuito.

Le mille luci di New York a Palazzo Zevallos Stigliano, che prende  il nome dal titolo del romanzo Bright Lights, Bright City pubblicato nel 1984 da Jay McInerney, è stata illustrata dal curatore Luca Beatrice, che ha svelato alcuni particolari della difficile opera di reperire i capolavori in mostra, in particolare il Basquiat esposto. Michele Coppola, responsabile delle attività culturali di Intesa Sanpaolo, ha sottolineato l’importanza di “questa piccola esposizione per Palazzo Zevallos Stigliano, che per la prima volta, partendo da due opere di Warhol facenti parte della collezione Intesa Sanpaolo, si apre alla pittura americana approfondendo i rapporti di alcuni suoi protagonisti con Napoli”. L’assessore al Turismo del Comune di Napoli, Nino Daniele, ha accolto la nuova mostra apprezzando l’opera fin qui svolta da Palazzo Zevallos e ha ricordato come le attività culturali hanno contribuito alla enorme crescita del turismo a Napoli, in costante aumento da anni e che nel 2016 ha registrato un incremento del 49 per cento di presenze rispetto all’anno precedente.

Presentazione della mostra Mille luci di New York a Palazzo Zevallos: da sinistra, Luca Beatrice, Michele Coppola, Nino Daniele e Antonio Denunzio
Presentazione della mostra Mille luci di New York a Palazzo Zevallos: da sinistra, Luca Beatrice, Michele Coppola, Nino Daniele e Antonio Denunzio

Le Gallerie di Palazzo Zevallos Stigliano a Napoli, insieme alle Gallerie di Piazza Scala a Milano e alle Gallerie di Palazzo Leoni Montanari a Vicenza, formano le Gallerie d’Italia, ossia il polo museale e culturale di Intesa Sanpaolo. Si tratta di palazzi storici della banca, ubicati nel cuore delle tre città, che sono stati trasformati in sedi espositive per accogliere e condividere con il pubblico le collezioni d’arte appartenenti al gruppo creditizio. A Palazzo Zevallos Stigliano, in via Toledo, si possono ammirare una serie di opere d’arte classica tra le quali spicca il Martirio di Suor Orsola (1610), capolavoro del Caravaggio eseguito pochi mesi prima della sua morte, ma anche la Giuditta decapita Oloferne attribuita al fiammingo Lupis Fonson, il Ratto di Elena di Luca Giordano e Agar nel deserto di Francesco Solimena.

Le mille luci di New York a Palazzo Zevallos Stigliano
Orari: da martedì a domenica dalle ore 10.00 alle ore 18.00 (ultimo ingresso ore 17.30)
Sabato e domenica dalle ore 10.00 alle ore 20.00 (ultimo ingresso ore 19.30)
Lunedì chiuso, aperto il 1 novembre.
Ingresso: Intero € 5 – ridotto € 3 – Gratuito per le scuole e i minori di 18 anni
Gratuito ogni prima domenica del mese e domenica 17 settembre.

Visite guidate: su prenotazione, massimo 25 persone per gruppo
Audioguide gratuite a disposizione dei visitatori
Informazioni e prenotazioni: numero verde 800.454229 – info@palazzozevallos.com

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here