Pompei, entro il 2016 negli Scavi un Museo del cibo

2713

“Entro il 2016, un nuovo Museo del cibo nell’area archeologica di Pompei“. Lo ha annunciato il soprintendente speciale di Pompei, Ercolano e Stabia Massimo Osanna, a margine della presentazione della mostra “Nutrire l’Impero. Storie di alimentazione da Roma e Pompei“, in programma al Museo dell’Ara Pacis di Roma fino al 15 novembre con anche alcuni reperti mai esposti in arrivo dal sito. “L’idea – ha raccontato Osanna – è quella di raccogliere il complesso dei preziosi reperti organici ritrovati a Pompei. Non si tratta solo di cibo, ma anche, ad esempio, di reperti lignei che stiamo restaurando da Moregine, appartenenti ai preziosi paraventi che venivano utilizzati nei triclini. O reperti osteologici, come il cavallo restaurato da Maiuri. E poi ancora, la borsa di cuoio da Oplontis. Sono tutti reperti che custodiremo in speciali camere climatizzate” e che finora, spiega il soprintendente, proprio per la loro fragilità e la penuria di sedi, non si sono potuti esporre nel sito di Pompei o che addirittura sono rimasti al buio dei depositi. “Il progetto per il Museo è pronto – ha precisato Osanna – Dobbiamo solo chiudere le indagini e decidere dove posizionare la rampa d’accesso e il nuovo ascensore. Proprio in questi giorni iniziamo le indagini sul declino sotto all’attuale Laboratorio di Scienze applicate”, per sondare il terreno, visto che, ha spiegato, “lì corrono le mura e durante la guerra è scoppiata anche una bomba”. “Per i tempi di realizzazione – ha concluso – sarei felice se riuscissimo a bandire tutto al più presto per lavorarci e finire il Museo entro il 2016. Questo ci permetterebbe anche di inserirlo nel Pon 2014-2020”.