News / Living Partenope

Vini e cultura, 130 eventi “Wine&TheCity” per vivere Napoli

Dai musei alle vigne di città, al mare, ipogei e stazioni metro. Oltre 130 i luoghi che ospiteranno gli eventi della rassegna "di creatività urbana e del buon bere" che animerà il capoluogo campano dal 6 al 20 maggio
di Nicola Piscopo
29 aprile 2015

Oltre 130 luoghi di Napoli, dal mare al sottosuolo, dalle colline alle strade del centro antico, fra palazzi storici, ipogei, giardini, musei, case private, boutique, ristoranti, alberghi, pizzerie, gallerie e finanche chiese, scale monumentali e stazioni della metropolitana: sono le “location” che ospiteranno gli eventi di “Wine&TheCity“, rassegna “di creatività urbana e del buon bere” che animerà angoli del capoluogo campano dal 6 al 20 maggio. Intorno al tema della “#ebbrezza”, parola chiave dell’edizione 2015, la rassegna proporrà picnic gourmet, reading letterari, mostre, concerti, performance artistiche, incontri con gli autori e degustazioni enogastronomiche in luoghi insoliti e simbolici, come le vigne metropolitane di Napoli, la stazione della metropolitana di via Toledo (considerata la più bella del mondo) o La Gloriette, bene confiscato alla camorra e ora destinato a uso sociale, con vista mozzafiato sulla città e sul Vesuvio. Eventi sono in programma anche a bordo di barche a vela, nel Museo Diocesano, nelle galleria di Palazzo Zevallos di Stigliano, nella chiesa di San Rocco e nelle Catacombe di San Gennaro. La rassegna, giunta all’ottava edizione – ha spiegato Donatella Bernabò Silorata, nella presentazione oggi a Napoli nella sede di “Gourmet” – si caratterizza quest’anno anche per una novità significativa: ai numerosi sponsor privati è stata affiancata un’iniziativa di crowdfunding con la quale, in poche settimane, sono stati raccolti oltre 7.000 euro donati da 159 sostenitori. “Vogliamo far vivere angoli di Napoli nella loro unicità e bellezza – ha spiegato Bernabò Silorata – Si viaggia, si ascolta, si scopre, si degusta, insomma – ha concluso – vogliamo far vivere la città in modo diverso e originale”.