(Italiano) Storie di donne a San Domenico Maggiore, visita guidata a tema

Storie di donne a San Domenico Maggiore: da Giovanna d’Aragona a Vittoria Colonna, da Maria d’Avalos a Lucrezia d’Alagno. Visita guidata sabato 10 marzo

2221
vittoria-colonna-ritratto-Donne-a-San-Domenico-Maggiore-visite-guidate-a-tema
Ritratto di Vittoria Colonna, una delle protagoniste della visita guidata sul tema Storie di donne a San Domenico Maggiore

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Nel periodo della Festa delle donne si può anche andare alla scoperta di Storie di donne a San Domenico Maggiore. Sabato 10 marzo è programmato infatti il nuovo appuntamento con le visite guidate a tema al Museo San Domenico Maggiore di Napoli (Doma). L’itinerario, che parte alle ore 10,50 dalla Sagrestia, svelerà storie e aneddoti di celebri donne legate alla Basilica di San Domenico Maggiore del XIII secolo e accompagnerà i visitatori attraverso memorie architettoniche, artistiche, storiche, letterarie e alcune curiosità. Così il passato rivivrà ancora oggi.

Attraverso l’illustrazione dei sepolcri e opere d’arte, racconti e poesie, l’itinerario porterà a conoscere donne che hanno fatto la storia e la cultura di Napoli: da Giovanna d’Aragona a Vittoria Colonna, da Maria d’Avalos a Lucrezia d’Alagno e tante altre. Vittoria Colonna, per esempio, fu amica di grandi intellettuali ed artisti del tempo e  personalità di grande cultura. Donna dalle spiccate qualità diplomatiche e di mediazione, segnò profondamente la storia e la cultura del primo Cinquecento. Ma Vittoria Colonna è solo una delle tante donne straordinarie protagoniste della visita guidata a tema di sabato 10 marzo dal titolo Storie di donne a San Domenico Maggiore.

Visitare il Complesso monumentale di San Domenico Maggiore di Napoli (oggi Museo Doma) è una suggestiva esperienza che attraversa 8 secoli tra arte, storia, cultura e fede. Una tappa fondamentale in qualsiasi tour turistico di Napoli. In questo complesso, che è uno dei monumenti più importanti del Centro storico napoletano, hanno lasciato traccia da San Tommaso d’Aquino a Giordano Bruno e Tommaso Campanella, da Tiziano a Michelangelo da Caravaggio, da Raffaello a Giuseppe de Ribera, da Tino di Camaino a Francesco Solimena, da Luca Giordano a Luigi VanvitelliDomenico VaccaroCosimo FanzagoMattia Preti e una moltitudine di altri artisti noti e meno noti.

La fondazione della chiesa risale al 1283, anno in cui Carlo II d’Angiò ne finanziò l’edificazione e affidò l’imponente edificio gotico (terminato nel 1324) ai Frati Predicatori (i Domenicani), che dal 1231 a tutt’oggi risiedono nel convento dove visse San Tommaso d’Aquino e che dal 1515 al 1615 e dal 1701 al 1736 fu sede dell’Università di Napoli.

Il complesso monumentale si trova nel bel mezzo del Centro storico di Napoli dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, tra il Decumano inferiore e quello maggiore. Fin dal Rinascimento ha rappresentato un polo rilevante per la storia della città grazie anche alla scelta dei sovrani aragonesi di elevare la chiesa di San Domenico a pantheon dinastico: qui infatti è tuttora è possibile ammirarne le sepolture, le cosiddette Arche aragonesi.

La maestosa Basilica, in cui risuona un organo di 1640 canne, presenta una particolarità: alla Piazza San Domenico Maggiore si mostra con l’abside e non con la facciata principale. Dalla piazza, costruita in epoca successiva alla chiesa, si accede alla Basilica attraverso la grande scalinata sul lato occidentale, voluta da Alfonso I d’Aragona per la chiesetta romanica di San Michele Arcangelo a Morfisa, inglobata nel complesso, che conduce al transetto destro della Basilica.

STORIE DI DONNE A SAN DOMENICO MAGGIORE
Visita guidata a tema

Sabato 10 marzo ore 10.50
presso l’ingresso della sagrestia
(ingresso piazza San Domenico Maggiore)

Prenotazione obbilgatoria entro il 9 marzo alle 16.
Ingresso al museo e visita: 7 euro
Info: domanapoli@gmail.com
Tel: +39 333 863 89 97
Facebook: www.facebook.com/sandomenicomaggiore